RADIO POWER ITALIA

Official web site

DOWNLOAD STORE

CANALI MULTIMEDIALI

ascolta anche qui Radio Power Italia

tunein radio

Ascolta anche qui Radio Power Italia

radio.it

Ascolta anche qui Radio Power Italia

nobex radio

Ascolta anche qui Radio Power Italia

VOCI DI DONNE

VOCI DI DONNE

Qualche giorno fa si è svolto il convegno “Voci di donne”, organizzato dall’Università di “Mediazione Linguistica ed Interculturale” (nonché Struttura Didattica Speciale di Lingue e Letterature Straniere) di Ragusa Ibla. È il terzo anno che si organizza quest’importantissima “tavola rotonda” che vede ospiti diversi docenti e professionisti, anche stranieri.  A dare il benvenuto la Professoressa M. Paino (Direttrice DISUM) e il Professore Burgio (Presidente SDS), mentre a presentare il convegno S. Lagdaf e M. Carreras i Goicoechea (allegata sotto la locandina dei due appuntamenti del 29 e 30 Ottobre).

Molte volte si è parlato di donne in modo superficiale: le donne considerate come esseri fragili, da proteggere, e non come parte integrante della società che può fare la differenza. Un convegno che mira, dunque, a trattare un tema molto delicato ma senza, nel frattempo, alcun tipo di vittimismo; insomma, trattare le donne per quello che sono: degli esseri umani in carne ed ossa, non creature angeliche portatrici di salvezza. A tal proposito, mi viene in mente il libro “Psicosociologia del maschilismo” della scrittrice  Chiara Volpato, in cui si parlava di sessismo ostile e sessismo benevolo: il primo riguarda un’ostinazione nel controllare la donna, costringendola a restare entro i canoni della figura femminile della società e, in caso contrario, ad utilizzare la violenza per soffocare qualsiasi forma di ribellione; il secondo, consiste appunto nel considerare la donna come essere bisognoso di protezione da parte del maschio. In entrambi i casi si tende a subordinare la figura femminile a quella maschile ma, a differenza del sessismo ostile, quello benevolo non deriva da una visione “malata” dell’uomo che vuole far soccombere la donna al suo potere. Come dice la stessa parola, si tratta infatti di un sessismo che si muove per il “bene” della donna, per proteggerla dai pericoli della società. Ed è, purtroppo, un fenomeno molto diffuso, penetrato pian piano nella società e diventato ormai la “norma”, la “normalità”. Vi faccio un piccolo esempio derivante dalla mia esperienza. L’anno scorso mi trovavo a Roma in occasione del “Sinodo dei Giovani” con Papa Francesco. Io, insieme ad alcuni ragazzi dell’oratorio, siamo andati al supermercato a comprare delle casse d’ acqua (le bottigliette erano da mezzo litro). Avendo fatto tanta strada a piedi, un ragazzo era stanco; così mi sono proposta di portare io la cassetta d’acqua al posto suo. Dopo aver rifiutato il mio aiuto, ha chiesto ad un altro ragazzo di portarla, dato che era molto affaticato. Per molti, questo potrebbe sembrare un gesto di galanteria, a me invece è sembrato che quel ragazzo considerasse me, come le altre donne, troppo deboli per trasportare un peso sulle spalle. È come se tutte le donne avessero un deficit fisico e, per questo motivo, debbano essere preservate.  Un altro esempio del sessismo benevolo può essere trovato nell’espressione “Certo che con quel vestito te la vai proprio a cercare”. È vero sì che nella vita ci vuole decenza, ma è anche vero che ognuno di noi è libero di vestirsi come vuole, e NESSUNO, dico, NESSUNO è giustificato a toccare una donna solo perché indossa una scollatura provocante. Purtroppo è diffusa l’idea che se io esco con una minigonna è perché voglio provocare l’uomo; magari, per alcuni casi sarà anche vero, ma magari io indosso una minigonna perché mi vedo bella, perché mi sento a mio agio. Che poi penso che le scollature, come le minigonne o i vestitini, debbano saper essere indossati. Comunque, qualunque sia il motivo per cui io indosso un certo tipo di vestito, (ripeto) non è giustificabile il fatto che debba sentire fischi da parte di ragazzi (presenti anche se si indossa un jeans e una maglietta, questo fa capire che molto spesso il problema è il cervello di certi uomini) o, ancora peggio, essere toccata o molestata.

IO SONO UNA PERSONA, IO HO UNA DIGNITA’, pertanto esigo di essere RISPETTATA, com’è giusto e normale che sia. Concludo quest’articolo invitando a guardare con attenzione il “monologo” di Luciana Littizzetto, un discorso dall’argomento forte, addolcito con sfumature ironiche, ma carico di significato:

A cura di

Adriana Cinardo  

RPI

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.