COVID 19 NORMATIVE

Alla diffusione del virus COVID-19, in rialzo, il Governo ha risposto con copiosa legislazione d’urgenza: attraverso “Decreti Legge”, nonché “Decreti Presidenziali” e “Decreti Ministeriali” attuativi dei primi.

1)D.L. 23/02/2020 n. 6: definisce la “Zona Rossa” (in Lombardia: i Comunidi

Bertonico, Casalpusterlengo, Castelgerundo, Castiglione D’Adda, Codogno, Fombio,

Maleo, S. Fiorano, Somaglia, Terranova dei Passerini; in Veneto: il Comune di Vo’), vietandone allontanamenti in entrata ed uscita. Annulla eventi pubblici, viaggi scolastici, concorsi, attività commerciali non di prima necessità ed attività d’impresa; restano i soli servizi essenziali. Specificano il sd. atto:

  • il DPCM (Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri) 23 Febbraio 2020: introduce, per chi sia passato in “Zona Rossa”, l’obbligo di comunicarlo all’Azienda Sanitaria Locale territorialmente competente;
    • il D.M. (Decreto Ministeriale) 24 Febbraio 2020: firmato dal Ministro dell’Economia e delle Finanze Gualtieri sospende i pagamenti dei contribuenti di tali zone;
    • Il DPCM 25 Febbraio 2020: include in “Zona Rossa” Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Veneto, Liguria e Piemonte. Interdice al pubblico lo sport: che prosegue a porte chiuse. Incentiva attività scolastiche online. Nelle Province di Bergamo, Brescia, Cremona, Lodi, Milano,  Padova,  Parma, Pavia, Piacenza, Rovigo, Treviso, Venezia,  Verona  e  Vicenza sospende gli esami per la patente di guida; gli uffici giudiziari svolgono solo atti urgenti; prescrive accurati controlli sanitari per i detenuti in entrata negli istituti penitenziari; 
    • Il DPCM 1 Marzo 2020: ingloba in “Zona Rossa” le province di Pesaro, Urbino e Savona. Nelle province di Bergamo, Lodi, Piacenza e Cremona chiude medie e grandi strutture di vendita e mercati nei giorni festivi. In Lombardia e nella provincia di Piacenza chiude palestre, piscine, e centri sportivi, natatori, benessere e termali. Specifica misure igieniche essenziali.

2)D.L. 02/03/2020 n. 9:salvo quanto disposto, regola Cassa Integrazione ed indennità per lavoratori autonomi.Introduce misure di profilassi per Forze di Polizia, Forze armate e Corpo nazionale dei Vigili del Fuoco. Varamisure cautelative per medici e paramedici, e per l’assunzione straordinaria di medici.

3)D.L. 4 marzo 2020: fermo quanto già varato, prescrive agli anziani ed agli affetti da patologie di uscire solo per necessità. Estende le misure di prevenzione alle Regioni a Statuto Speciale ed alle Province autonome di Trento e Bolzano.

4)L. 5 marzo 2020 n. 13: recamodifiche apportate in sede di conversione  al  D.L. 

23 Febbraio 2020 n.6. E’ integrato dalla:

• Delibera del Consiglio dei Ministri 5 Marzo 2020: aumenta di cento milioni di euro lo stanziamento già deliberato dal Consiglio dei Ministri il 31 gennaio 2020, a valere sul Fondo per le emergenze nazionali.

5)D.L. 8 Marzo 2020 n. 11: oltre quanto già sancito,differisce udienze e termini nei procedimenti civili, penali, tributari e militari dal 23 Marzo 2020 in poi; prescrive per tribunali e cancellerie speciali cautele dal 23 Marzo al 31 Maggio (come la celebrazione di riti a porte chiuse). Ad esso è connesso:

• DPCM 8 marzo: chiude le stazioni sciistiche; lascia aperti i luoghi di culto ma sospende ogni cerimonia. Consente attività di ristorazione e bar dalle ore 6 alle 18. Annulla i congedi  ordinari  del  personale  sanitario. Vieta agli accompagnatori dei degenti la sosta in Dipartimenti Emergenze e Pronto Soccorso.

6)D.L. 9 marzo 2020 n. 14:previo quanto già deciso,definisce il reclutamento di medici. E’ seguito da:

Ordinanza 9 Marzo 2020: estende l’applicazione del DPCM 8 Marzo 2020 e la definizione di “Zona Rossa” a tutta Italia; 

• DPCM 9 Marzo 2020: chiude bar e ristorazione al pubblico, con sola possibilità di consegne a domicilio;

7)DPCM 11 Marzo 2020: stante la dichiarazione di emergenza sanitaria nazionale dell’OMS, abroga i provvedimenti dell’8 e 9 Marzo 2020 e prescrive nuove regole fino al 25 Marzo. Chiude parrucchieri e centri estetici. Abilita le Autorità, in caso di urgenza, ad adottare le misure di contenimento previste (come la sorveglianza attiva) e non previste (che saranno ufficializzate con DPCM). Incentiva lavoro agile, ferie, congedi retribuiti, ed il lavoro di industrie e fabbriche fornitrici degli esercizi aperti. Lascia servizi bancari, postali, finanziari ed assicurativi. Limita gli spostamenti a motivi di lavoro, salute e necessità (come fare la spesa), da provarsi con autodichiarazione scaricabile dai siti di Ministero degli Interni e Comuni. Permette sport all’aperto e passeggiate con animali astenendosi dalla vicinanza con terzi, preferibilmente per tempi brevi. Si stimano riscontri in due settimane. Il Dr. Arcuri (già Amministratore Delegato di Invitalia) è nominato Commissario Delegato per coordinare l’emergenza sanitaria col Dr. Borrelli (Capo della Protezione Civile). La violazione delle prescrizioni è punita ex art. 650 Codice Penale con arresto fino a tre mesi ed ammenda fino ad euro 206; i Prefetti si avvalgono delle Forze di Polizia per il rispetto delle norme.

Lucilla Fontana

13 thoughts on “COVID 19 NORMATIVE

  1. Wow, wonderful blog format! How lengthy have you been blogging for? you make running a blog look easy. The whole look of your website is fantastic, let alone the content material! Kathryne Hersch Ponce

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.